martedì 15 maggio 2018

Profumo d'arancia

Tra "prime-volte" e "nuove-abitudini", oggi festeggiamo 8 mesi da che il nostro bimbo ha riempito le nostre vite!

E siccome al lavoro mi han regalato delle profumatissime arance, e visto che il tempo ricorda più la stagione autunnale che primaverile, ho deciso di preparare una torta velocissima: una torta all'arancia!



Ingredienti:
300gr farina
150gr zucchero
Succo di 2 arance spremute
50 ml di olio d'oliva
Scorza d'arancia
3 uova intere
Lievito per dolci
Zucchero a velo

Quando ho detto velocissima, intendevo seriamente! Basta mettere tutti gli ingredienti in una ciotola e mescolare finchè si ottiene un impasto morbido e liscio.

Cuocere in forno a 180° per 40 minuti.

Spolverare con lo zucchero a velo.

Buon appetito... e auguri a noi!!!



domenica 13 maggio 2018

La mia prima festa della MAMMA 💕

Ho sognato per anni di diventare mamma.
Ho sperato per anni di diventare mamma.
Ho temuto per anni di non riuscirci...

Ho immaginato per anni cosa si prova ad andare a letto con il proprio cucciolo che ti respira addosso, a svegliarsi con il magico sorriso del proprio bimbo quando incontra il tuo sguardo.
Cosa si sente quando il tuo tesoro più grande ti chiama MAMMA!

Ma quest'anno ogni pensiero è realtà.
L'amore più grande, adesso, riempie la mia vita...

Grazie di avermi fatto rinascere MAMMA amore mio!




Auguri anche alla mia Mamma... e un soffio d'auguri anche a te...

giovedì 10 maggio 2018

Io e Fata Mammetta

Ho letto ogni romanzo di Sophie Kinsella e proprio ora che sono mamma, lei si mette a scrivere libri per bambini!
Incuriosita, acquisto questo volumetto e lo leggo.
Nulla di che, ma io sono un'adulta... 
Ma spero che anche il mio bimbo mi veda come una piccola fata risolvi-problemi-combina-guai!


Dalla copertina:
Ella è una bambina speciale. Nessuno lo sa perché è un segreto, neppure i suoi migliori amici Tom e Lenka, ma da grande diventerà una vera fata, proprio come la sua mamma! Certo, magari non proprio uguale a lei... Fata Mammetta infatti è un po' pasticciona e spesso nei suoi incantesimi qualcosa va storto... Per fortuna può contare su Ella, l'Aiutante Fata migliore che si possa immaginare, capace di risolvere i guai più incredibili con la giusta formula magica, un sorriso e tanta fantasia.

giovedì 19 aprile 2018

Cuffietta in jersey per il mio patatino!

Con l'arrivo della stagione primaverile, avevo bisogno di una cuffietta leggera per il mio piccolo mangiatore di patatine.
Utilizzando un avanzo di jersey grigio melange, mi sono cimentata nella confezione, che vi assicuro essere semplicissima!
 
 
 
Ritagliate un rettangolo di tessuto in jersey di dimensioni 50cm x 40cm.
 

Ripiegatelo sul lato lungo...

...e poi ripiegatelo ancora!


Segnate la metà della sommità e riportate la stessa misura sui lati verticali.
Tracciate un semicerchio che "tocchi" i tre punti e ritagliate.



Ora "aprite" la prima piega e otterrete questo:


Cucite da metà semicerchio fino alla prima piega, su un lato, mentre sul lato opposto cucite da metà semicerchio sino alla fine del lato lungo.
Rifinite con il punto zig-zag.


Ora "aprite" il tessuto e fate combaciare i semicerchi  che devono ancora essere cuciti.
Cucite da un estremo all'altro, rifinendo con il punto zig-zag.


Ora dovete solo decidere la lunghezza della vostra cuffietta e fare l'orlo.
Buon lavoro!!


venerdì 13 aprile 2018

Una SPA alternativa

Siamo tante persone al mondo, ognuna con il proprio modo di fare e di rapportarsi, ognuna con il proprio carattere e con i propri interessi. Ognuna con i propri problemi.
Va da se che anche il metodo di rilassamento o riposo di una persona cambia rispetto a quello di un'altra.

Oggi, dopo aver accompagnato il bimbo all'asilo, in compagnia dell' aiutante Tino, mi sono immersa nella mia personalissima SPA per rigenerare un pò la mente, per sollevarla da alcuni pensieri scuri ed impegnarla in qualcosa di colorato:  la mia cucina si è così trasformata in sala da taglio ed assemblamento quadratini!


Spiragli di sole e tranquillità mi hanno reso un filo più serena e si sa, bisogna guardare alla vita con positività per poter accogliere cose belle!

lunedì 12 marzo 2018

Nessun ricordo muore

Finalmente posso dire di aver terminato un bel romanzo poliziesco!
Indagini ed emozioni si mescolano in un libro che non sa se essere un giallo o... un rosa!
Bello!!


Dalla copertina:
Teresa Maritano, dopo aver lasciato la polizia, ha aperto un bar in una piazzetta poco lontana dal Ponte di Sant'Agata sperando in giorni tranquilli e anonimi. Ma nella sua vita ritorna il commissario Marco Ardini perché è scomparsa Carlotta, una bambina che frequenta la scuola elementare situata nella piazzetta, e Ardini sa che se qualcuno ha notato qualcosa di potenzialmente utile, quel qualcuno è l'ex ispettore Maritano. Poco per volta Teresa, nonostante l'iniziale resistenza e il disagio di lavorare nuovamente con Ardini, si lascia prendere dalle indagini, perché conosceva bene Carlotta. Altri delitti confermano che proprio quella piazzetta è fondamentale nelle indagini che coinvolgono anche il passato. Ma passano i giorni e le speranze di ritrovare viva la bimba scomparsa diventano sempre più esili... E, rintracciarla in tempo, sembra per Ardini sempre più una questione personale. Cercando le tracce di Carlotta, della sua amichetta Paola e della "strana" madre di Paola, Teresa comincia a capire anche qualcosa di più su di sé e sul commissario Ardini che già la incuriosiva quando lavoravano insieme...

Buona lettura!

domenica 25 febbraio 2018

Sacco-zainetto per l'asilo

In questi mesi ho ricamato bavagliette, salviettine ed una sacchetta già confezionata per l'inizio dell'asilo del cucciolo.
Ora che riprendo il lavoro e non sono certa di riuscire ad organizzarmi subito con i vari cambi, ho pensato di preparare un secondo sacco-zainetto per "coprire" eventuali necessità!


Questa domenica fredda e ventosa è diventata un valido motivo per mettermi all'opera nell'oretta in cui il piccolo ha dormito e quindi... al lavoro!!

Tra i vari avanzi di precedenti lavori, ho trovato dei tessuti sui toni dell'azzurro con immagini da bimbo e li ho uniti per avere una misura sufficiente: ho ritagliato dal tessuto con gli animaletti due rettangoli da 30cmx20cm e da quello più omogeneo due quadrati da 30cmx30cm.
Li ho cuciti assieme e ho fatto un orlo alto 2cm sul lato da 30cm del tessuto a disegni.


Ho preperato i passanti per il cordoncino ritagliando due rettangoli da 8cmx6cm e facendo un piccolo orlino sui lati lunghi.


Ho appoggiato i due teli bicolore diritto contro diritto stando attenta che le cuciture combaciassero e ho posizionando all'interno i passanti.


Ho cucito il fondo dei teli (lato corto) e successivamente i due lati lunghi.

Ho tracciato una linea a 45° su entrambi gli angoli inferiori della sacchetta, ho cucito lungo queste linee e ritagliato l'eccedenza. Questo passaggio serve per dare "profondità" alla sacca. 



Come rifiniture ho solamente ribattuto la cucitura di unione dei due tessuti e ricamato il nome del bimbo sul retro.
Va da se che all'interno ho passato a zig-zag tutti i bordi.


Per ultimo, ho infilato il cordoncino  nell'asola superiore e nei passanti eeee.... ecco fatto!!!


Ora manca solo una stiratina ma siccome il piccolo si è svegliato, vado a giocare con lui!!!

Ps: se avete suggerimenti su come "bloccare" il cordoncino per non farlo sfilare, ve ne sarei grata!! 😉


lunedì 12 febbraio 2018

Un Dinosauro felice

Questo è il primo Carnevale che il nostro bambino festeggerà!
Abbiamo provato a capire se fosse attratto da qualche costume particolare, magari un personaggio dei cartoni animati tra quelli che guarda maggiormente in televisione, ma sembra non comprendere ancora l'idea del travestimento.
Così, dopo averci pensato un pò, considerato che la prima storia che gli abbiamo raccontato è stata quella tratta dal suo libro Arlo, visto che spesso gioca con questi mostruosi animaletti e siccome una delle sue prime parole (ahimè, ancor prima di mamma!!!!) è stata proprio "dinosauro", mi sono lanciata in questo progetto totalmente alla cieca: creare un dinosauro senza cartamodello, nessuno che potesse suggerire misure o procedura e praticamente nulla di esperienza in sartoria!
Mah, con pochissima spesa (ho acquistato solamente del pile e una cerniera) e qualche ora di lavoro durante le mattinate del bimbo alla scuola dell'Infanzia, ho ottenuto il mio dinosauro, che indossato da lui  è diventato un dinosauro felice!


Per creare il cartamodello ho appoggiato una sua tuta, piegata a metà, su carta.
Ho tracciato i contorni, restando lontana dalla sagoma per alcuni centimetri (così, visto che il costume andrà indossato sopra i vestiti, avevo già centimentri in abbondanza nonchè i margini di cucitura inclusi).
Ho poi preso una felpa con cappuccio e, seguendo lo stesso criterio del costume, ho ricavato il cartamodello.
Infine ho immaginato e disegnato una coda, con l'unica accortezza che le misure della schiena della coda e del costume coincidessero.
Per le punte di testa e coda, ho suddiviso la lunghezza e creato dei triangoli proporzionati.



Ho spillato tutti i cartamodelli sul tessuto e ritagliato le varie parti.


Ho iniziato le cuciture inserendo la cerniera e applicando le punte sulla testa e sulla coda.



Ho poi unito le varie parti tra di loro:



Per ultimo, ma non meno importante, ho imbottito la coda con dell'ovattina.....
Più d'una persona, toccando la coda del dinosauro, mi han detto "ma che bella coda morbida!!!".... e tra i primi a fare questa affermazione c'è stato David, il mio critico di fiducia!
Ieri, ad una festa, in molti si sono girati sorridendo al mio dinosauro che sfrecciava di qua e di la... e io non potevo che essere felice con lui!